Pannelli radianti a infrarossi, il calore del sole

Una tecnologia energetica ecosostenibile: bassissima dispersione, comfort abitativo e technodesign.

I mesi più freddi dell’anno sono alle porte e si pensa con ansia alla manutenzione della vecchia, cara, caldaia di casa. Questa modalità tradizionale di riscaldamento dell’ambiente domestico usa l’aria come mezzo di trasferimento di calore. Tuttavia, sono stati recentemente messi a punto dei pannelli a raggi infrarossi che, usando l’irraggiamento come metodo alternativo a quello tradizionale, sono in grado di riscaldare la nostra casa. Attraverso i pannelli a raggi infrarossi, il calore si diffonde direttamente sugli oggetti e le persone irraggiate e le onde elettromagnetiche a contatto col corpo irraggiato, si trasformano in calore.

Gli infrarossi sono onde spontanee, emesse da ciascun corpo o oggetto con temperatura superiore allo zero assoluto, sono le stesse radiazioni elettromagnetiche emesse dalla luce scaldante del sole.  La vocazione dei pannelli a infrarossi è quella di riscaldare anche locali molto ampi, grazie alla velocità di azione riscaldante e all’azione direzionale del caldo, evitano di riscaldare inutilmente l’aria sovrastante, concentrando l’efficienza solamente lì dove serve. Evitando la dissipazione di calore nell’aria garantiscono un importante risparmio energetico. Se messi, poi, a sistema con dispositivi di accumulo di energia elettrica da fonte rinnovabile, tagliano i consumi di gas, mentre i costi effettivi vengono completamente ammortizzati, rendendo la casa ecosostenibile e autonoma quasi al 100%.

Gli infrarossi dei pannelli riscaldanti sono in grado di garantire benefici anche per la salute: i raggi riscaldano solo il 20% dell’aria, risparmiando l’ossigeno presente nell’ambiente, mentre riscaldano all’80% gli oggetti e le persone, portandone la temperatura a livelli ottimali per i processi fisiologici e biologici.

Nel corpo umano in particolare le onde elettromagnetiche stimolano positivamente la circolazione sanguigna e la traspirazione cellulare proprio perché inducono maggiore ossigenazione del volume di sangue corporeo, accelerando così il processo di purificazione dell’organismo dalle scorie metaboliche. Inoltre, il riscaldamento a infrarossi elimina totalmente il movimento di particelle dell’aria (e con esso anche il moto delle polveri, sempre più di frequente causa di allergie), oltre a proteggere le pareti da muffe e batteri. Inoltre, i pannelli a raggi infrarossi presentano degli interessanti risvolti estetici, oltre che funzionali: infatti, grazie alla opportunità di decorare a piacimento la superficie del pannello, essi riescono a essere installati in modo elegante e integrato nell’arredamento, con stampe personalizzate.

Fonte: 6donna, http://6donna.com/articoli/architetto/686/il-futuro-e-nelle-onde/

Pannelli radianti a infrarossi